Skip to main content

Esperienza di Job Shadowing in Svezia

Esperienza di Job Shadowing in Svezia

Un tuffo nell’innovazione educativa a Stoccolma

Dal 22 al 26 Aprile 2024, due nostre colleghe del centro di formazione di Milano (Valentina Giancola, referente area personalizzazione e Kathia Guerra formatrice lingua inglese), hanno intrapreso un viaggio formativo a Stoccolma (Svezia). L’obiettivo è stato quello di partecipare ad un programma di job shadowing rivolto al personale docente e non docente del Consorzio VET, di cui CNOS-FAP Regione Lombardia è capofila. Questa iniziativa fa parte del progetto “ACCREDITAMENTO ERASMUS+ CNOS-FAP LOMBARDIA“, codice progetto 2022-1-IT01-KA121-VET-000065424, un’opportunità di crescita professionale e di scambio culturale senza precedenti.

Esperienza di Job Shadowing in Svezia

Job shadowing: contesto del progetto

Nel mese di Novembre 2023, è stato lanciato il “Bando Staff”, ricevendo un’accoglienza entusiastica con 38 candidature per soli 8 posti disponibili. Il job shadowing è stato promosso per la prima volta dal Consorzio, sottolineando l’importanza della mobilità internazionale nell’ambito della formazione professionale. I vincitori hanno avuto la possibilità di scegliere tra diverse destinazioni offerte dal catalogo di UNISER Ecco il loro racconto:

Primo giorno: visita al Quartier Generale di AcadeMedia

Le colleghe hanno iniziato la loro esperienza di job shadowing visitando la sede centrale delle scuole del gruppo AcadeMedia, un centro dove si gestiscono gli aspetti amministrativi e si svolgono corsi di formazione per insegnanti, condotti da docenti e psicologi. AcadeMedia, un ente privato sostenuto finanziariamente dallo stato svedese, coordina trenta istituti che vanno dalla scuola dell’infanzia agli istituti superiori. Ogni studente riceve dallo stato un finanziamento annuo di € 12.000, garantendo così l’accesso gratuito all’istruzione. I ragazzi svedesi iniziano la scuola superiore a 16 anni e terminano a 19. Le scuole si suddividono in “theoretical school” (scuole teoriche, simili ai nostri licei per intenderci) e “vocational school” (formazione professionale). Durante la visita, è stata data particolare attenzione alla puntualità, valore molto rispettato in Svezia, dove essere puntuali significa arrivare dieci minuti prima dell’orario concordato.

Esperienza di Job Shadowing in Svezia

Character education

È stato introdotto anche il concetto di “character education”, un’educazione che mira a formare individui consapevoli, capaci di vivere serenamente in società. L’intervento di una psicologa ha messo in luce l’approccio svedese di lavorare direttamente con i docenti per sostenere l’aspetto psicologico degli studenti.

I docenti che hanno anche una formazione psicologica, insegnano agli studenti come vivere, come comportarsi in società, come riconoscere un disagio psicologico e a comprendere di cosa si tratta, in modo tale che i ragazzi non si sentano spaesati quando provano sensazioni sgradevoli, e questa consapevolezza li aiuta a superare la problematica. Le colleghe hanno riscontrato molte affinità con il sistema preventivo di Don Bosco: anche per gli svedesi la relazione con i ragazzi è fondamentale.

Ogni insegnante in Svezia è anche mentore di 15 studenti, con il compito di guidarli e motivarli verso il successo formativo e l’autonomia. A differenza dell’Italia, in Svezia si tende a non coinvolgere eccessivamente le famiglie nella vita scolastica, preparando gli studenti a gestire autonomamente la loro transizione verso l’età adulta.

Il metodo della character education

Nel pomeriggio le colleghe coinvolte in attività di job shadowing hanno visitato una scuola professionale che si occupa soprattutto di hotellerie e ristorazione, l’RH INTERNATIONAL HOTELL – OCH RESTAURANGSKOLAN. La scuola ha circa 300 studenti e ogni anno formano una classe per l’hotellerie (settore ospitalità e turismo), una di panificazione e due di ristorazione. I ragazzi hanno 20 settimane di tirocinio all’anno. La cosa che ha colpito molto le nostre colleghe è la pacatezza, la calma e l’educazione dei ragazzi. Tutto ciò è possibile perché applicano il metodo della “character education”: i ragazzi sanno come devono comportarsi e lo accettano. Conoscono le regole e sanno che la società si aspetta che le rispettino. La direttrice della scuola ha spiegato che la “character education” è prevista dalla legge ed è un metodo pedagogico che viene sempre seguito.

Esperienza di Job Shadowing in Svezia

Bisogni speciali ed inclusività

In ogni classe ci sono 25 studenti e alcuni hanno “bisogni speciali”. Tuttavia non hanno diagnosi o certificazioni, sono i docenti, in base alle esigenze degli studenti, a stabilire le misure compensative necessarie. Ci hanno spiegato inoltre che gli studenti vengono selezionati in base ai voti in uscita dalla scuola precedente e che i ragazzi con un Q.I. inferiore a 70 vengono mandati direttamente in percorsi personalizzati. Inoltre, se i ragazzi fanno una richiesta, ad esempio se vogliono bere il caffè durante le lezioni, se ne discute insieme e si fa capire loro che questo potrebbe danneggiare il materiale scolastico.

Così si strutturano insieme ai ragazzi regole sensate per il benessere di tutti. La scuola ha blocchi di lezioni che durano due ore e mezza e fanno delle pause decise dall’insegnante. A volte ai ragazzi è concesso uscire dall’aula e fare gli esercizi fuori (su tavolini e divanetti ad esempio). Insomma, è tutto molto libero, fermo restando che però le regole vengono date prima dall’insegnante. Credono molto nella responsabilità e nell’autonomia degli studenti. In aula lavorano a gruppetti, privilegiando il cooperative learning e non danno compiti a casa, perché il lavoro viene svolto prevalentemente a scuola anche al pomeriggio.

Esperienza di Job Shadowing in Svezia

Secondo giorno di job shadowing: bisogni speciali e inclusione

Al mattino le nostre colleghe hanno lavorato sui bisogni speciali e sulla “compensational education” insieme a un’insegnante specializzata in pedagogia, che ha studiato psicologia e che ha lavorato in un reparto di psichiatria. In Svezia non hanno Certificazioni o Diagnosi, di conseguenza preparano la lezione affinché sia inclusiva e comprensibile da tutti fin dall’inizio.

La scuola dev’essere per tutti, ma ritengono che la vera inclusione non sia inserire ragazzi con problematiche importanti in classe. Questo secondo loro comporta la non personalizzazione della didattica e di conseguenza l’insuccesso formativo dei ragazzi con disabilità. Secondo gli svedesi la priorità è dare una possibilità lavorativa a questi ragazzi, e questo è possibile solo con la massima personalizzazione possibile in classi in cui questi ragazzi possono essere seguiti. I ragazzi con difficoltà hanno comunque a disposizione gli strumenti compensativi e il tempo aggiuntivo.

In Svezia non fanno verifiche, ma solo esami di fine anno a giugno. Tuttavia, tre volte all’anno, utilizzano un sistema basato sui colori verde, giallo e rosso. Se l’allievo è verde in una data materia significa che passerà il corso, se è giallo che ha qualche problema, se è rosso che al momento è insufficiente. Non esiste la bocciatura: gli allievi insufficienti in un corso possono recuperare l’anno successivo. Dopodiché hanno approfondito la figura del mentore, che ha il compito di relazionarsi con gli studenti, di monitorare le assenze, di parlare con le famiglie e con i docenti. Le colleghe hanno svolto alcune attività di mentoring finalizzate ad instaurare una relazione con il mentore e/o tra i ragazzi all’interno del gruppo.

Esperienza di Job Shadowing in Svezia

Terzo giorno: visita alla scuola Klara

Le nostre colleghe hanno visitato una “theoretical school”. “Klara”, una scuola “teorica” dove hanno potuto conoscere l’orario di lavoro svolto da un insegnante. Ad esempio per due ore alla settimana gli insegnanti si incontrano per discutere di questioni didattiche o di eventuali problematiche da risolvere all’interno delle classi. La cosa importante nella “compensational education” è quella di mantenere un’atmosfera serena e rilassata per tutti e che i ragazzi si sentano a proprio agio. Chi ha bisogno utilizza materiale compensativo ed è offerto aiuto a tutti. Per favorire l’attenzione degli studenti ritirano i cellulari e utilizzano di rado dispositivi elettronici (fanno un uso limitato di pc e niente IPad) perché ritengono che questo aiuti gli studenti a non distrarsi. Hanno anche ribadito l’importanza di illustrare la “lesson plan” e le pause agli studenti all’inizio di ogni lezione.

Esperienza di Job Shadowing in Svezia

Conclusioni e prospettive

Le scuole visitate rappresentano eccellenze nel panorama educativo svedese e riflettono i principi fondamentali di responsabilità, autonomia e inclusione. Questa esperienza ha offerto alle colleghe coinvolte in attività di job shadowing nuove prospettive e metodi innovativi applicabili anche nel contesto educativo italiano sottolineando l’importanza di un approccio educativo che valorizza l’autonomia e la preparazione degli studenti al mondo adulto.

Webinar “Disabilità e Lavoro – Esplorando le Opportunità della Legge 68/99”

webinar disabilità legge 68/99 randstad cnos fap regione lombardia

Un evento online dedicato all’inclusione lavorativa delle persone con disabilità

In un mondo del lavoro in continua evoluzione, l’inclusione lavorativa delle persone con disabilità rappresenta una priorità fondamentale. Per affrontare questa tematica cruciale, CNOS-FAP Regione Lombardia è lieto di presentare un webinar esclusivo intitolato “Disabilità e Lavoro: le Opportunità della L.68/99”, organizzato dal nostro centro di formazione di Milano in collaborazione con HOpportunities, la divisione di Randstad Italia interamente dedicata all’inserimento lavorativo di persone appartenenti alle categorie protette.

Quando?

Martedì 23 Aprile, dalle 17:00 alle 18:30

Modalità di partecipazione

Online al link https://meet.google.com/gry-yxki-jhm

Perché partecipare?

Questo webinar si pone come un momento di incontro e di formazione imperdibile per tutti coloro che sono interessati a comprendere meglio le dinamiche e le opportunità offerte dalla Legge 68/99 in termini di inclusione lavorativa. Attraverso l’expertise di HOpportunities, i partecipanti avranno l’occasione di:

  • Scoprire come la Legge 68/99 possa favorire l’inclusione lavorativa delle persone con disabilità e appartenenti alle categorie protette.
  • Conoscere i passaggi necessari per il riconoscimento dell’invalidità civile e come iscriversi al collocamento mirato.
  • Esplorare i principali canali per la ricerca del lavoro, con un focus particolare sulle misure dedicate e sui servizi previsti dalla legge per l’integrazione lavorativa.

Per chi è pensato questo webinar?

Il webinar è rivolto a un pubblico ampio, che include:

  • Famiglie e persone con disabilità interessate a capire come navigare le opportunità lavorative a loro disposizione.
  • Datori di lavoro desiderosi di arricchire le proprie conoscenze sulle modalità di costruzione di un ambiente lavorativo inclusivo e diversificato.
  • Professionisti HR alla ricerca di aggiornamenti sulle normative e sulle migliori pratiche per l’inclusione lavorativa.
  • Studenti con disabilità che vogliono prepararsi al meglio per il mondo del lavoro.

Un’opportunità unica di formazione e informazione

Condotto da esperti di Randstad e da professionisti del settore, questo webinar rappresenta una risorsa preziosa per tutti coloro che sono coinvolti o interessati all’inclusione lavorativa delle persone con disabilità. Partecipare significa non solo aggiornarsi su leggi e procedure ma anche scoprire storie di successo, strategie operative e avere la possibilità di porre domande direttamente agli esperti.

Come partecipare

La partecipazione al webinar è gratuita. Assicurati di prenotare il tuo posto collegandoti al link fornito e preparati a vivere un’esperienza formativa unica, che potrebbe cambiare il modo in cui percepisci il mondo del lavoro e l’inclusione.