Skip to main content

9-10 Aprile 2024: secondo Transnational Meeting di iMech+

9-10 Aprile 2024: secondo Transnational Meeting di iMech+

Il Progetto iMech+

Tra il 9 e il 10 aprile, si è tenuto a Berlino, il secondo Transnational Meeting del progetto iMech+. Questo evento ha visto la partecipazione dei coordinatori partner provenienti da Finlandia, Spagna, Francia, Germania e Cile. iMech+ rappresenta un’iniziativa chiave nel contesto della Formazione Professionale e Tecnica (VET), mirata a rispondere alle sfide dell’Industria 4.0.

La visione del progetto iMech+

Il progetto iMech+ si distingue per il suo approccio innovativo volto a migliorare la qualità della formazione VET. Attraverso l’esperienza maturata nei precedenti progetti KA1 VET, iMech+ affronta la crescente necessità di una forza lavoro altamente specializzata, capace di adattarsi ai cambiamenti rapidi indotti dalla digitalizzazione, dalla sostenibilità e dall’internazionalizzazione. L’obiettivo principale è aggiornare le competenze degli insegnanti e promuovere strategie di inclusione, fornendo agli istituti VET gli strumenti per offrire formazione di qualità, soprattutto a gruppi vulnerabili.

9-10 Aprile 2024: secondo Transnational Meeting di iMech+

Dettagli del meeting di Berlino

Il meeting svoltosi presso la sede del Georg-Schlesinger-Schule, ha permesso ai partecipanti di rivisitare le buone prassi emerse nei precedenti training events tenutisi in Finlandia, Spagna e Italia. Si è discusso approfonditamente delle prossime scadenze e delle fasi conclusive del progetto, in vista della sua chiusura prevista per il prossimo 26 agosto. Le due giornate di incontri hanno permesso di delineare chiaramente le strategie per il follow-up e l’implementazione delle best practices.

Cultura e team building

Oltre agli aspetti formali, il meeting ha offerto ai partecipanti la possibilità di esplorare Berlino, visitando i principali luoghi d’interesse. Questo elemento ha contribuito a rafforzare la coesione del team e a integrare ulteriormente i valori di scambio culturale e comprensione reciproca che iMech+ promuove.

9-10 Aprile 2024: secondo Transnational Meeting di iMech+

Il Meeting Finale a Besançon

Il prossimo ed ultimo meeting di coordinamento si terrà a Besançon, ospitato dal partner francese Campus des métiers et des qualifications. Questo incontro sarà cruciale per concludere il progetto, consolidare i risultati ottenuti e pianificare le future iniziative post-iMech+.

Conclusioni

Il secondo Transnational Meeting di iMech+ ha segnato una tappa significativa nel percorso del progetto, consolidando le fondamenta per una formazione VET più inclusiva e all’avanguardia. Gli sforzi congiunti dei partner internazionali stanno delineando un futuro promettente per la formazione tecnica e professionale, essenziale per il progresso socio-economico globale.

Gli allievi del CNOS-FAP Lombardia di Brescia in visita a Daema Automations

Allievi CNOS-FAP Lombardia sede di Brescia in visita a Daema Automations

La formazione professionale a Brescia: un ponte tra formazione e industria

Lo scorso 8 aprile 2024, un gruppo di allievi del nostro Centro di Formazione Professionale CNOS-FAP di Brescia ha avuto l’opportunità di visitare le sedi di Daema Automations azienda leader nel settore degli impianti di automazione industriale. Questa esperienza ha offerto agli studenti una preziosa prospettiva sul mondo del lavoro, collegando direttamente la teoria appresa in aula con la pratica aziendale.

Daema Automations: eccellenza nell’automazione industriale

Fondata nel 1999 da Dario e Mario, Daema Automations si è rapidamente affermata come una solida realtà nel campo dell‘automazione industriale. La visione dei suoi fondatori ha portato l’azienda a concentrarsi su qualità, tecnologia e innovazione, elementi che oggi rappresentano i pilastri della sua identità. Con una capacità produttiva che si estende su un’area di 1800mq e un team di 30 dipendenti altamente qualificati, Daema è sinonimo di eccellenza nel settore. L’impegno verso la sicurezza e l’adozione di materiali di ultima generazione completano il quadro di un’azienda sempre al passo con le esigenze di un mercato in continua evoluzione.

Allievi CNOS-FAP Lombardia sede di Brescia in visita a Daema Automations

L’esperienza dei nostri allievi di Brescia

Gli allievi, in particolare quelli del quarto anno del percorso operatore elettrico e del quinto anno percorso MAT (Manutenzione Assistenza Tecnica), sono stati accolti calorosamente all’interno dell’azienda, dove hanno potuto osservare da vicino le dinamiche di un ambiente di lavoro all’avanguardia. Il metodo di lavoro di Daema ha fatto particolare impressione sui giovani visitatori, offrendo loro una visione concreta di ciò che significa operare in un contesto industriale di alto livello. La visita è stata un’occasione per gli allievi di comprendere l’importanza di concetti come la precisione e l’efficienza, fondamentali nel settore dell’automazione industriale.

Allievi CNOS-FAP Lombardia sede di Brescia in visita a Daema Automations

Tirocini e prospettive di lavoro

Uno degli aspetti più stimolanti della visita è stata la possibilità per gli allievi di apprendere sulle opportunità di tirocinio offerte da Daema Automations. Questi periodi di formazione rappresentano un ponte diretto tra lo studio e il mondo del lavoro, permettendo agli studenti di applicare concretamente le conoscenze acquisite. Per molti, questa esperienza potrebbe trasformarsi in un’opportunità di lavoro a tempo pieno, aprendo le porte a carriere promettenti nel settore dell’automazione. Il messaggio è chiaro: l’impegno, la passione e la formazione sono le chiavi per costruire il proprio futuro professionale.

Allievi CNOS-FAP Lombardia sede di Brescia in visita a Daema Automations

Ringraziamenti

Desideriamo esprimere la nostra gratitudine a Dario e Mario, i visionari soci fondatori di Daema Automations. Hanno accolto i nostri allievi e hanno condiviso con loro la loro passione e la loro grande esperienza! Un ringraziamento speciale va anche agli allievi stessi, che hanno dimostrato grande interesse e impegno. Iniziative come questa rafforzano il legame tra il mondo della formazione professionale e quello industriale, evidenziando l’importanza di un apprendimento che sia sempre più connesso con le realtà lavorative contemporanee.

 

WD-40 e CNOS-FAP Lombardia: una collaborazione al servizio dell’eccellenza nella formazione professionale

WD-40 e CNOS-FAP Lombardia: una collaborazione al servizio dell'eccellenza nella formazione professionale

Sinergia tra formazione professionale ed azienda all’avanguardia

In un mondo in rapida evoluzione come quello dell’industria automotive e delle macchine utensili, la formazione pratica e l’aggiornamento costante sono fondamentali. È in questo contesto che la collaborazione tra CNOS-FAP Regione Lombardia e WD-40 emerge come un esempio brillante di sinergia tra il mondo educativo e quello professionale, mirata a preparare gli allievi ad affrontare le sfide del futuro con competenza e sicurezza.

Un incontro tra teoria e pratica

Recentemente, gli allievi dei settori Automotive e Macchine Utensili della sede di Arese di CNOS-FAP Lombardia hanno avuto l’opportunità unica di incontrare Alessandro Venerato, rappresentante di WD-40. Questo evento non solo ha rafforzato una collaborazione pluriennale ma ha anche offerto agli studenti preziose lezioni sia teoriche che pratiche sull’uso degli innovativi prodotti WD-40, con un focus particolare sulla linea “Specialist”.

La Linea “Specialist” di WD-40: oltre il Semplice Spray

WD-40 è universalmente riconosciuto per il suo spray multifunzione, capace di lubrificare, eliminare cigolii, sbloccare meccanismi, proteggere dall’umidità e prevenire la ruggine. Tuttavia, la linea “Specialist” porta queste capacità a un livello superiore, offrendo soluzioni specifiche per esigenze professionali, un aspetto che gli allievi di Arese hanno potuto sperimentare direttamente.

WD-40 e CNOS-FAP Lombardia: una collaborazione al servizio dell'eccellenza nella formazione professionale

Un ponte tra passato e futuro

La storia di WD-40, che nasce da un piccolo laboratorio per diventare una grande azienda con una vasta gamma di prodotti, è un chiaro esempio di come l’innovazione possa guidare al successo. Questo messaggio è al centro dell’incontro tra i nostri allievi di Arese e WD-40, sottolineando l’importanza di mantenere le attrezzature in ottimo stato, non solo per garantire la qualità del lavoro ma anche per preservare la sicurezza sul posto di lavoro.

Formazione di qualità per professionisti del domani

La collaborazione tra CNOS-FAP Lombardia e WD-40 è un esempio concreto di come la formazione professionale possa beneficiare dell’interazione diretta con il mondo aziendale. Attraverso incontri come quello con Alessandro Venerato, gli allievi acquisiscono non solo conoscenze tecniche ma anche una maggiore consapevolezza delle reali esigenze del mercato del lavoro, preparandoli a diventare i professionisti qualificati di domani.

Conclusioni

L’evento con WD-40 rappresenta un tassello fondamentale nella formazione offerta da CNOS-FAP Regione Lombardia, evidenziando l’impegno dell’istituto nel fornire una formazione tecnica che sia al passo con i tempi, pratica e in linea con le esigenze delle aziende. Questa collaborazione non solo arricchisce il percorso educativo degli allievi ma apre anche nuove prospettive professionali, dimostrando che l’unione tra teoria e pratica è la chiave per una formazione di successo.

 

 

Guardando al futuro con Don Bosco: l’impronta dei Salesiani a Fiera Didacta Italia 2024

La Fiera Didacta, evento di spicco nel panorama educativo e formativo nazionale e internazionale, ospita, dal 20 al 22 marzo 2024 a Firenze, il mondo salesiano. Con lo stand ubicato nel prestigioso Padiglione Spadolini, i Salesiani si preparano a offrire una visione innovativa e futuristica della formazione, incarnata dallo slogan "Guardando al futuro con Don Bosco".

La Fiera Didacta, evento di spicco nel panorama educativo e formativo nazionale e internazionale, ospita, dal 20 al 22 marzo 2024 a Firenze, il mondo salesiano. Con lo stand ubicato nel prestigioso Padiglione Spadolini, i Salesiani si preparano a offrire una visione innovativa e futuristica della formazione, incarnata dallo slogan “Guardando al futuro con Don Bosco“.

Il CNOS-FAP e la sua mission

Il CNOS FAP, rappresenta un punto di riferimento nell’ambito educativo e formativo in Italia, gestendo oltre 150 scuole e 63 Centri di Formazione Professionale che accolgono più di 40.000 studenti e allievi. L’impegno di questa istituzione si concretizza nell’offrire una formazione che, pur radicata nei valori e nell’esperienza, si proietta con forza verso il futuro, abbracciando le sfide dell’innovazione tecnologica e della digitalizzazione.

Il dialogo tra il Ministro Valditara e Don Giacomazzi

L’inaugurazione della Fiera Didacta ha segnato un momento significativo di riflessione e progettazione sul futuro della formazione professionale. Il Ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, e il Direttore Generale del CNOS FAP, Don Giuliano Giacomazzi, hanno avuto un confronto chiave, promosso dal Presidente di Firenze Fiere S.p.A., Dott. Lorenzo Becattini. Questa discussione ha toccato punti cruciali come la riforma delle scuole tecniche e professionali, l’integrazione dell’intelligenza artificiale nell’educazione e l’approccio educativo di Don Bosco.

La Fiera Didacta, evento di spicco nel panorama educativo e formativo nazionale e internazionale, ospita, dal 20 al 22 marzo 2024 a Firenze, il mondo salesiano. Con lo stand ubicato nel prestigioso Padiglione Spadolini, i Salesiani si preparano a offrire una visione innovativa e futuristica della formazione, incarnata dallo slogan "Guardando al futuro con Don Bosco".

L’alleanza tra formazione e lavoro

Don Giacomazzi ha messo in luce l’importanza di una visione del lavoro che vada oltre la semplice occupazione. Per lui, il lavoro è un’espressione della personalità, un mezzo attraverso il quale gli individui possono esprimere i propri talenti, competenze e progetti di vita. In questo contesto, scuola e lavoro diventano alleati fondamentali, con il lavoro che agisce come strumento di scoperta personale e crescita.

La tempistica delle scelte educative: un paradosso da risolvere

Il dibattito si è poi spostato sulla questione dei tempi delle scelte formative dei giovani. Don Giacomazzi ha evidenziato come la scuola spesso richieda agli studenti di prendere decisioni significative senza averli adeguatamente preparati a questo processo decisionale. Sottolinea l’importanza di un percorso educativo che permetta ai giovani di sperimentare e apprendere l’arte della scelta, attivando così le loro potenzialità.

Il Benessere dei docenti: un focus sul metodo salesiano

Un tema cruciale toccato durante l’incontro è stato quello del benessere dei docenti, spesso messi alla prova da condizioni di stress che possono portare al burn-out. A questo proposito, è stato evidenziato come nelle scuole salesiane, grazie all’approccio educativo e preventivo fondato da Don Bosco, si registri una situazione differente. Questo metodo pone al centro dell’esperienza educativa il benessere degli studenti, ma anche quello dei docenti e degli educatori, fornendo loro strumenti efficaci per affrontare le sfide poste dalle nuove generazioni. L’entusiasmo e l’allegria, pilastri dell’approccio salesiano, sono visti come elementi chiave per una scuola inclusiva e accogliente.

Verso un Futuro dell’educazione integrato e inclusivo

L’incontro tra il Ministro Valditara e Don Giacomazzi apre a riflessioni profonde sul futuro dell’educazione in Italia. La necessità di un approccio che integri innovazione e tradizione, che valorizzi il lavoro come parte integrante del percorso di crescita personale e che ponga attenzione al benessere di studenti e docenti emerge come direzione fondamentale per lo sviluppo di un sistema educativo capace di rispondere alle esigenze del mondo contemporaneo. In questo contesto, la collaborazione tra istituzioni educative, enti di formazione professionale e il mondo del lavoro si conferma come strategia vincente per preparare al meglio le nuove generazioni alle sfide del futuro.

La Fiera Didacta, evento di spicco nel panorama educativo e formativo nazionale e internazionale, ospita, dal 20 al 22 marzo 2024 a Firenze, il mondo salesiano. Con lo stand ubicato nel prestigioso Padiglione Spadolini, i Salesiani si preparano a offrire una visione innovativa e futuristica della formazione, incarnata dallo slogan "Guardando al futuro con Don Bosco".

La Didattica del futuro: progetti e innovazione

La partecipazione alla Fiera Didacta 2024 si arricchisce inoltre di significato attraverso la presentazione di progetti didattici e attività formative che vedono gli allievi protagonisti. L’adozione di tecnologie avanzate, come la robotica, e l’approccio alla didattica digitale rappresentano elementi distintivi dell’offerta formativa salesiana, che mira a preparare i giovani alle professioni del domani, in un contesto di continua evoluzione tecnologica.

La Filosofia educativa di Don Bosco oggi

La scelta di dedicare la Fiera Didacta 2024 alla figura di Don Bosco sottolinea l’attualità del suo messaggio educativo, incentrato sulla capacità di individuare e valorizzare i talenti di ciascun giovane. L’approccio salesiano all’istruzione e alla formazione si basa sull’idea che ogni studente possieda un potenziale unico, che va scoperto, coltivato e guidato verso la realizzazione personale e professionale.

Iniziative e collaborazioni

Oltre alla presenza dello stand, la Fiera Didacta sarà arricchita da una serie di iniziative e workshop, tra cui spicca “Green in Now – la sostenibilità ambientale nella didattica quotidiana“. Significativa anche la collaborazione con lo stand di C&C, che ogni giorno offrirà uno sguardo sulla storia decennale dei percorsi formativi salesiani, con un focus particolare sull’educazione digitale.

Guardando al futuro con Don Bosco

La partecipazione del CNOS FAP Regione Lombardia a Fiera Didacta Italia 2024 si annuncia come un’occasione imperdibile per scoprire le innovazioni nel campo dell’educazione e della formazione professionale. I Salesiani si confermano pionieri di un approccio educativo che, pur radicato nella tradizione, si apre con entusiasmo alle sfide del domani, facendo della tecnologia e dell’innovazione i pilastri di una formazione all’avanguardia.

 

Gli studenti di Treviglio alla scoperta della logistica sostenibile a LetExpo

Gli Studenti di Treviglio alla scoperta della logistica sostenibile a LetExpo

LetExpo: una missione per il futuro sostenibile

La sostenibilità nel mondo della logistica e del trasporto è diventata un tema di fondamentale importanza, con l’obiettivo di ridurre l’impatto ambientale e promuovere pratiche più responsabili. In questo contesto, LetExpo emerge come un evento chiave, dedicato all’innovazione e alla sostenibilità nel settore. Gli studenti delle classi 3B e 4 Logistica del centro di formazione professionale di Treviglio hanno avuto l’opportunità di partecipare a questa fiera, un’esperienza formativa e ispiratrice verso un futuro più verde e connesso.

Gli Studenti di Treviglio alla scoperta della logistica sostenibile a LetExpo

Il ruolo di LetExpo nel promuovere la sostenibilità

Organizzata da ALIS Service in collaborazione con Veronafiere, LetExpo si posiziona come una piattaforma essenziale per il futuro della logistica e del trasporto. L’evento si concentra sulla promozione di una transizione verso un’economia e una mobilità più sostenibili, attraverso l’esplorazione di idee innovative, tecnologie avanzate e pratiche rispettose dell’ambiente. Rappresenta, quindi, un punto di incontro vitale per chi cerca di adottare e diffondere una nuova cultura ecologica nel settore.

L’impegno degli studenti di Treviglio: un’esperienza formativa nella logistica sostenibile

Gli studenti delle classi 3B e 4 Logistica hanno avuto l’occasione di esplorare da vicino le ultime innovazioni e soluzioni nel campo della logistica sostenibile, grazie alla loro partecipazione attiva a LetExpo. Questa esperienza ha permesso loro di immergersi in un ambiente ricco di stimoli e di confrontarsi direttamente con le realtà più avanzate del settore, acquisendo conoscenze preziose per il loro percorso formativo e professionale futuro.

Gli Studenti di Treviglio alla scoperta della logistica sostenibile a LetExpo

Un incontro di eccellenze nel settore

LetExpo si distingue per essere un evento di sistema, che riunisce le principali figure del trasporto stradale, marittimo e ferroviario, nonché spedizionieri, stakeholder e fornitori di servizi vari. La fiera offre l’opportunità di interagire con un ampio spettro di professionisti, dalle case costruttrici a compagnie assicurative, da porti e interporti a centri di ricerca ed enti di formazione. Questo ambiente ricco e diversificato fornisce agli studenti una visione a 360 gradi del settore, enfatizzando l’importanza di una collaborazione tra diverse realtà per promuovere la sostenibilità.

L’importanza della partecipazione degli studenti

La presenza attiva degli studenti a LetExpo non è solo un’opportunità formativa ma anche un passo avanti nel loro impegno verso un futuro professionale sostenibile. Esplorando soluzioni innovative e sostenibili, gli studenti hanno potuto comprendere meglio l’importanza di pratiche di logistica e trasporto ecosostenibili, cruciali per garantire un domani più verde.

 

Il futuro della Formazione Professionale in scena a Milano

Giovedì 29 febbraio presso l’Istituto Salesiano Sant’Ambrogio di Milano si è tenuto l’evento di lancio dell’Esposizione Capolavori 2024. Iniziativa che da ormai 15 anni contraddistingue l’attività dei Centri di Formazione Professionale CNOS-FAP di tutta Italia.

Evento di lancio dell’Esposizione Capolavori 2024

Giovedì 29 febbraio presso l’Istituto Salesiano Sant’Ambrogio di Milano si è tenuto l’evento di lancio dell’Esposizione Capolavori 2024. Iniziativa che da ormai 15 anni contraddistingue l’attività dei Centri di Formazione Professionale CNOS-FAP di tutta Italia.

Una comunità coesa verso l’eccellenza

Tra la platea presente, oltre ad una nutrita rappresentanza di allievi che saranno chiamati nelle prossime settimane a cimentarsi nella creazione delle loro opere, suddivisi tra i vari settori professionali, c’erano diverse decine di imprenditori e tecnici che rendono fattibile questa esperienza grazie all’offerta di materiali, competenze, ospitalità presso i siti produttivi e commerciali delle proprie aziende. Il Direttore della Formazione del CNOS-FAP Nazionale Fabrizio Tosti ha introdotto i lavori con la toccante lettera di Vanessa. Un’allieva piemontese che ha scritto ai suoi docenti per testimoniare la bellezza e l’entusiasmo della sua partecipazione alla scorsa esperienza della manifestazione.
Don Roberto Dal Molin, superiore dell’Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, ha sottolineato come nei CFP accanto a una seria preparazione professionale si cerchi sempre di associare una solida formazione umana dei ragazzi.
Don Giuliano Giacomazzi, Direttore Generale del CNOS-FAP Nazionale, ha contestualizzato l’esperienza dei capolavori proprio nell’alveo della storia personale del Fondatore, che ha sempre considerato i giovani come i veri capolavori della Chiesa e della società.

Giovedì 29 febbraio presso l’Istituto Salesiano Sant’Ambrogio di Milano si è tenuto l’evento di lancio dell’Esposizione Capolavori 2024. Iniziativa che da ormai 15 anni contraddistingue l’attività dei Centri di Formazione Professionale CNOS-FAP di tutta Italia.

I giovani sono il futuro della società

Terminati questi primi interventi, Sergio Slavazza, operatore dei servizi al lavoro presso la sede di Sesto San Giovanni, ha coordinato una Tavola Rotonda che ha avuto un parterre di relatori di assoluto rispetto. In primis il Cardinale Ángel Fernández Artime, Rettor Maggiore dei Salesiani, il quale ha indicato come la cosa più importante per il Fondatore sia stata preparare i suoi ragazzi per la vita. Il X successore di Don Bosco ha dato un’apertura internazionale al suo intervento, affermando come si debba credere assolutamente nei giovani e come da loro dipenda il futuro della società ad ogni latitudine.
Simona Tironi, Assessore all’Istruzione, Formazione e Lavoro della Regione Lombardia, ha evidenziato l’impegno e le iniziative che la giunta regionale da anni profonde a favore della formazione professionale proprio perché contribuisce a diminuire la dispersione scolastica e la dispersione dei ragazzi.
Giovanni Brugnoli, Vicepresidente di Confindustria con delega al Capitale Umano, che ha seguito da vicino con conoscenza e competenza l’iter di avvio e di consolidamento degli ITS, ha posto l’attenzione su come il mondo del lavoro richieda dal mondo formativo la capacità di stare al passo a quei cambiamenti che si susseguono ad una velocità sempre maggiore.

Giovedì 29 febbraio presso l’Istituto Salesiano Sant’Ambrogio di Milano si è tenuto l’evento di lancio dell’Esposizione Capolavori 2024. Iniziativa che da ormai 15 anni contraddistingue l’attività dei Centri di Formazione Professionale CNOS-FAP di tutta Italia.

Il valore della testimonianza

Infine, per dare visibilità e concretezza ai protagonisti dell’Esposizione Capolavori, Andrea Ciotti e Daniele Lodigiani, ex allievi del Centro di Formazione Professionale di Arese, hanno portato la loro testimonianza di successo (in ambito ristorazione e in ambito meccanico industriale). I due giovani hanno raccontato come l’esperienza formativa scolastica e l’interazione diretta con il mondo delle aziende siano stati punti cardine per la propria vita professionale.
Nel corso della mattinata sono stati proiettati alcuni contributi video con le testimonianze delle molte aziende, nazionali ed internazionali, che quotidianamente collaborano per il raggiungimento degli obiettivi formativi dei giovani attraverso l’innovazione tecnologica e il know-how dei propri professionisti.
L’evento, che ha avuto successo grazie anche al grande operato delle sedi CNOS-FAP della Lombardia, si è concluso con un ricco buffet allestito negli spazi adiacenti l’Auditorium, preparato e gestito dai ragazzi e dai formatori del corso “Operatore della Ristorazione” del nostro Centro di Formazione Professionale di Arese.

Si ringrazia l’Ufficio Stampa dell’Ispettoria Salesiana Lombardo-Emiliana per le foto gentilmente concesse

 

La Formazione avanzata in Saldobrasatura presso Sesto San Giovanni

Corso di saldobrasatura per i ragazzi del centro di formazione di Sesto San Giovanni presso Mitsubishi Electric Italia

Un passo avanti per gli allievi del settore termoidraulico grazie a Mitsubishi Electric

La formazione professionale rappresenta un pilastro fondamentale per lo sviluppo delle competenze tecniche degli studenti, preparandoli efficacemente al mondo del lavoro. Un esempio lampante di tale impegno è stato il recente corso di saldobrasatura organizzato da Mitsubishi Electric per gli allievi della classe terza del settore termoidraulico di Sesto San Giovanni.

Un’opportunità unica per i nostri allievi di Sesto

La saldobrasatura è una tecnica fondamentale nel settore termoidraulico, richiedendo precisione, conoscenza e abilità pratiche. La partecipazione degli allievi a questo corso non solo ha arricchito il loro bagaglio di conoscenze tecniche ma ha anche offerto un’esperienza pratica inestimabile, permettendo loro di applicare direttamente quanto appreso in aula.

Collaborazione tra IeFP e Industria: un modello vincente

La collaborazione tra il nostro centro di Sesto San Giovanni e Mitsubishi Electric Climatizzazione si è rivelata un modello vincente, dimostrando come le sinergie tra il mondo educativo e quello produttivo possano contribuire significativamente alla formazione di professionisti qualificati e pronti ad affrontare le sfide del mercato del lavoro.

Questo corso rappresenta un esempio di come la formazione professionale possa evolversi, integrando sempre più esperienze pratiche direttamente sul campo. L’obiettivo è quello di preparare gli allievi non solo a un mestiere ma a diventare professionisti capaci, innovativi e pronti a contribuire attivamente allo sviluppo tecnologico e professionale del settore. Un ringraziamento speciale va a Mitsubishi Electric Climatizzazione per il suo impegno costante nella formazione e nel training, confermando il suo ruolo di azienda leader non solo nel settore della climatizzazione ma anche nella formazione professionale.

 

 

Innovazione e Formazione: il futuro del settore termoidraulico a portata di mano per gli allievi di Sesto S. Giovanni

Innovazione e Formazione: il futuro del settore termoidraulico a portata di mano per gli allievi di Sesto S. Giovanni

Una giornata di apprendimento pratico presso il Training Center di Samsung

La scorsa settimana ha segnato un momento significativo per gli allievi del 4° anno duale del centro di formazione professionale di Sesto S. Giovanni, specializzati nel settore termoidraulico. I nostri ragazzi hanno avuto l’opportunità unica di visitare il prestigioso training center di Samsung a Cernusco sul Naviglio, immergendosi in una giornata ricca di apprendimenti tecnologici avanzati.

Approfondimento tecnologico

Il focus della visita al training center di Samsung è stato sul funzionamento dei sistemi monosplit e multisplit della gamma WindFree di Samsung. Questi dispositivi rappresentano l’avanguardia nel settore del raffreddamento e del riscaldamento, combinando efficienza energetica e innovazione tecnologica. Gli allievi, già dotati di una solida base teorica acquisita attraverso il percorso #Frigoria, hanno potuto esplorare in modo approfondito queste tecnologie.

Interazione e apprendimento pratico

Sotto la guida esperta dei formatori Samsung, i ragazzi hanno analizzato il funzionamento interno dei climatizzatori, identificando potenziali problemi e soluzioni. Questa esperienza pratica, presso il training center Samsung, ha permesso loro di collegare la teoria appresa in aula con applicazioni reali, un passo fondamentale nella loro formazione professionale.

L’importanza della pratica nel settore termoidraulico

Un aspetto cruciale della visita è stato l’apprendimento dell’uso degli strumenti di diagnostica. Questi strumenti sono essenziali per identificare e risolvere problemi nei sistemi di climatizzazione, una competenza che distingue un tecnico qualificato nel mercato del lavoro odierno.

La visita al training center di Samsung rappresenta un esempio eccellente di come l’istruzione pratica possa arricchire il percorso formativo degli studenti, preparandoli efficacemente per le sfide del settore termoidraulico moderno. Questa esperienza non solo ha rafforzato le loro competenze tecniche, ma ha anche offerto una visione preziosa sulle tendenze e le innovazioni tecnologiche attuali, sottolineando l’importanza di un apprendimento continuo e adattivo.

 

AEF Lombardia abbraccia la Riforma Valditara

Un nuovo orizzonte nell’istruzione e formazione professionale

L’associazione degli Enti di istruzione e formazione professionale AEF Lombardia, di cui CNOS-FAP Regione Lombardia è membro, si appresta a rivoluzionare i percorsi formativi con l’avvio della “Riforma Valditara” per l’anno scolastico 2024-25. Questo passo rappresenta un traguardo significativo per il sistema educativo lombardo, noto per la sua qualità e capacità innovativa.

La riforma introduce un percorso formativo avanzato, permettendo agli studenti, dopo il diploma quadriennale, di proseguire direttamente con i percorsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (ITS Academy). Tale riforma potrà permettere di accedere agli esami di maturità, facilitando così il passaggio verso ulteriori studi universitari.

Il Decreto Ministeriale del 7 dicembre 2023, che anticipa il Disegno di Legge S.924, è stato prontamente adottato dalla Regione Lombardia, pioniera in Italia in questa sperimentazione. Questa iniziativa si configura come un potenziamento della formazione tecnico-professionale, mirando a fornire agli studenti una solida base culturale, un legame sempre più stretto con il mondo del lavoro e una maggiore flessibilità nei percorsi formativi.

Diego Montrone, Presidente di AEF Lombardia, esprime orgoglio per il ruolo attivo dell’associazione nella definizione di questa riforma. Il presidente ha sottolineato l’importanza di un quadro normativo che supporti i giovani e valorizzi l’alta qualità formativa della regione, che coinvolge quasi 70.000 giovani all’anno.

L’Assessore alla formazione e lavoro di Regione Lombardia, Simona Tironi, evidenzia l’importanza strategica di questa filiera nella realizzazione degli obiettivi regionali e nell’implementazione della riforma. L’assessore sottolinea la necessità di un approccio proattivo e cooperativo per il successo di questa sperimentazione.

Con le iscrizioni aperte dal 18 gennaio al 10 febbraio 2024, AEF Lombardia si impegna a offrire percorsi personalizzati e di alta qualità, arricchiti dalle nuove opportunità offerte dalla riforma, inclusa la prosecuzione degli studi negli ITS e l’esame di maturità al quarto anno.

 

 

Esperienza formativa unica per gli studenti del CNOS FAP di Brescia con Rangoni e Affini S.p.A.

Un'esperienza formativa unica per gli studenti del CNOS FAP di Brescia con Rangoni e Affini S.p.A. 3

Rangoni e Affini S.p.A.: Una Storia di Passione e Innovazione

Fondata nel 1963, Rangoni e Affini S.p.A. si è affermata nel panorama automobilistico grazie alla sua passione per i motori e all’impegno costante nell’innovazione. Presente con sedi a Mantova, Brescia e Verona, l’azienda si distingue per la sua lunga tradizione e per la ricerca continua di soluzioni all’avanguardia.

Un impegno verso il futuro: l’investimento sui giovani

 

I rappresentanti di Rangoni e Affini S.p.A. hanno espresso il desiderio di differenziarsi dagli altri concessionari, puntando su progetti speciali e talvolta non convenzionali. La loro filosofia si traduce in una collaborazione attiva con le istituzioni scolastiche, finalizzata a introdurre i giovani al mondo dei mezzi pesanti e dei veicoli commerciali in modo innovativo e stimolante.

Un’esperienza pratica incomparabile per gli studenti

Nei prossimi giorni, gli studenti del corso di motoristica del nostro centro di Brescia avranno l’occasione di visitare le sedi dell’azienda, vivendo un’esperienza pratica che permetterà loro di esplorare da vicino le realtà e le tecnologie del settore, arricchendo così il loro percorso formativo.

Un partenariato di valore per il CNOS FAP Regione Lombardia

Il CNOS FAP Regione Lombardia, esprime grande orgoglio e soddisfazione per questa collaborazione, che non solo arricchisce l’esperienza formativa degli studenti, ma rafforza anche il legame tra il mondo dell’istruzione e quello professionale, contribuendo allo sviluppo del territorio e del mercato del lavoro.
Questa iniziativa segna l’inizio di un percorso di crescita e sviluppo per gli studenti del CNOS FAP Regione Lombardia, con l’esperienza acquisita in collaborazione con Rangoni e Affini S.p.A., che si prospetta come un trampolino di lancio per le loro future carriere nel settore dei motori e dei veicoli commerciali.

Un ponte tra formazione e industria

La giornata trascorsa con l’azienda rappresenta un momento significativo nel percorso formativo degli studenti del CNOS FAP di Brescia, evidenziando l’importanza dell’integrazione tra teoria e pratica. Questa esperienza non solo arricchisce il loro bagaglio di conoscenze, ma apre anche nuove prospettive per il loro futuro professionale.