Skip to main content

Progetto ATHOS: un’esperienza di mobilità PRO a Siviglia

Progetto ATHOS: un'esperienza di mobilità PRO a Siviglia 3

Il progetto Athos si avvia alla sua conclusione

La scorsa settimana, è rientrato il nostro ultimo studente in mobilità del progetto ATHOS, finanziato dal programma Erasmus+, che giungerà ufficialmente alla sua conclusione il prossimo 30 novembre. Questo progetto ha fornito ai partecipanti l’opportunità di sviluppare competenze tecniche e professionali attraverso tirocini all’estero, con l’obiettivo di migliorare la loro occupabilità al termine degli studi.

L’indimenticabile esperienza a Siviglia

Uno dei partecipanti, Mohamed Manzocchi, ha avuto l’opportunità di vivere un’esperienza eccezionale all’interno del progetto ATHOS. Partito il 25 luglio insieme ad altri 8 studenti dell’IIS Enzo Ferrari di Monza (partner del Consorzio per le mobilità VET di cui come CNOS-FAP Lombardia siamo capofila), Mohamed ha svolto un periodo di mobilità PRO della durata di 12 settimane, il doppio delle tradizionali 6 settimane. Sebbene il suo viaggio sia giunto al termine il 22 ottobre, i ricordi di questa straordinaria esperienza continuano a vivere in lui. Il suo coinvolgimento in questo programma di tirocinio all’estero ha rappresentato un’occasione unica di crescita personale e professionale.

Crescita personale e professionale senza paragoni

Mohamed sottolinea che questa esperienza all’estero gli ha consentito di scoprire nuove passioni e coltivare quelle già presenti, come l’amore per le lingue e la fotografia. Inoltre, ha imparato a gestire le sfide in un ambiente straniero e ad adattarsi a situazioni impreviste. Quest’esperienza ha notevolmente aumentato la sua consapevolezza delle sue capacità e dei suoi punti deboli.

Un consiglio universale

La testimonianza di Mohamed è chiara: consiglia vivamente questa esperienza a tutti, anche a coloro che non hanno l’intenzione di trasferirsi all’estero. Ciò è dovuto al fatto che questa esperienza possiede un valore intrinseco sia dal punto di vista lavorativo, arricchendo il curriculum con una prospettiva internazionale, sia dal punto di vista personale, offrendo l’opportunità di sviluppare abilità sociali e di vivere una convivenza interculturale. Mohamed invita tutti a interagire con le persone locali, ad aprirsi a nuove amicizie internazionali e a scoprire meglio se stessi attraverso questa straordinaria avventura.

Conclusioni

Il progetto ATHOS ha rappresentato un’opportunità straordinaria per gli studenti di acquisire competenze tecniche e di vivere esperienze indimenticabili all’estero. La testimonianza di Mohamed è un esempio tangibile di come questa iniziativa possa cambiare la vita degli studenti, contribuendo al loro sviluppo personale. CNOS-FAP Regione Lombardia continuerà a sostenere progetti come ATHOS, che arricchiscono le vite dei giovani studenti e li preparano per il futuro.