Chi siamo
 
...................................................................
...................................................................
...................................................................
...................................................................
 
Sito ufficiale CnosFAP
......................................................



 
 
Federazione CNOS-FAP
......................................................
 
 

Le strutture di partecipazione e di corresponsabilità

Le strutture di partecipazione e corresponsabilità mirano a creare le condizioni ideali per un sempre maggiore coinvolgimento nella vita del Centro, incrementando la collaborazione fra formatori, giovani, genitori, che hanno a cuore la formazione culturale, professionale, umana e cristiana degli allievi.

Consiglio della Comunità educativa pastorale del Centro
Ha la funzione di proporre e attuare un programma operativo e di raccordare le attività dei vari coordinatori e dei diversi settori.
E′ composto da:

  • il Direttore delle Opere Sociali;
  • il Catechista;
  • il Direttore del CFP;
  • i Referenti di settore;
  • i Consiglieri.

Organo Collegiale e Commissioni
L′Organo Collegiale, composto dal Direttore che lo presiede e da tutti i formatori, ha il fine di valorizzare la professionalità dei formatori e il loro concorso attivo nella realizzazione dei percorsi formativi interdisciplinari. Al suo interno sono definite Commissioni specifiche di progettazione e di programmazione didattica.
Le Commissioni, articolate per aree, settori o comparti di attività, sono presiedute e guidate dai Referenti di settore ed operano con riferimento agli indirizzi regionali ed in coerenza con il Progetto Educativo, al fine di assicurare i seguenti interventi formativi:

  • la progettazione didattica dei corsi nella loro composizione per moduli sulla base delle disposizioni di programmazione della Regione;
  • le attività di studio, ricerca e sperimentazione;
  • la programmazione delle attività di docenza e di ricupero;
  • stage e/o periodi di alternanza in azienda, previsti dalla programmazione didattica;
  • la programmazione sia delle verifiche intercicliche e intermodulari, sia degli esami finali, nell′ambito delle direttive della Regione;
  • la programmazione degli incontri con le famiglie degli allievi dei corsi di 1° livello.

Consiglio di Corso
La situazione di ogni Corso è seguita con particolare attenzione da questo organismo. Esso è composto dal Direttore del CFP, dal Consigliere, dal Referente di settore, dal Catechista e dai Formatori.
Diviene momento di analisi dei problemi del Corso e di ricerca di soluzioni adeguate.

Genitori, allievi e loro rappresentanza
Un obiettivo irrinunciabile del Centro è la partecipazione dei Genitori e degli Allievi come protagonisti del processo di formazione in unità di intenti con il personale del Centro stesso. Sono infatti i genitori i primi responsabili dell′educazione dei figli. In ogni corso sono eletti due rappresentanti dei Genitori che partecipano, se necessario, al Consiglio di corso.
La presenza delle famiglie è inoltre sollecitata da incontri periodici sull′apprendimento e sulla maturazione degli allievi, da incontri di studio sulle problematiche giovanili, familiari e dalla partecipazione diretta in attività straordinarie.
Per quanto riguarda gli Allievi, soggetti principali dell′intervento formativo, viene promossa presso di loro una partecipazione attiva, cercando di renderli consapevoli dell′importanza che la loro persona assume all′interno dell′organizzazione formativa e quindi sociale.
Ogni corso, perciò, elegge due allievi i quali, sotto la guida del Consigliere o del Catechista, hanno la funzione di raccordo fra gli allievi e i formatori, sperimentando in tal modo uno stile di compartecipazione soprattutto nella programmazione delle attività, nel proporre le richieste della base e nell′evidenziare problemi, richieste, difficoltà.

Link Case Salesiane
....................................................................
......................................................................
......................................................................
......................................................................
......................................................................
......................................................................

......................................................

 
 
......................................................

 
 
......................................................